Scopri il Passo del Vivione: Rifugio Vivione

L’estate non è ancora finita, c’è sempre tempo per una gita fuoriporta e allora vi diamo un consiglio: veniteci a trovare al Passo del Vivione, nel nostro Rifugio.

Il rifugio alpino

Una struttura raggiungibile per lo più solamente a piedi, nato per offrire riparo ad alpinisti, escursionisti e frequentatori della montagna.
 
L’origine dei rifugi alpini si colloca tra il 1800 e il 1900, eretti in principio come presidi montani per accaparrarsi degli avamposti strategici per commerci, contrabbandi ma soprattutto per scontri bellici. Negli ultimi decenni il rifugio ha cambiato moderatamente volto, trasformandosi in un luogo di ristoro che possa accogliere sempre più persone, mantenendo comunque la sua identità montana. Da servizi essenziali come ristoro e riposo, i rifugi hanno dovuto in parte adeguarsi agli standard che si trovano nelle valli, senza perdere di vista la loro essenza e natura di riparo nella montagna.
In realtà, alcuni rifugi hanno davvero conservato al massimo la loro purezza di basilare “casetta nel bosco”, per lo più ad altezze molto elevate: piccoli e accoglienti spazi per ripararsi dal freddo e dal buio della montagna, completamenti immersi nei profumi della natura.








Il Rifugio Vivione

La nostra famiglia gestisce questo rifugio dal 1978, situato nel verde altopiano del parco delle Orobie Bergamasche della Val di Scalve. Meta di soste per appassionati della montagna, offre ristoro prima di una passeggiata in uno dei percorsi segnati o dopo una faticosa giornata di cammino. 
Il Rifugio si trova a soli 12km da Schilpario ed è di passaggio per tutti gli escursionisti che affrontano il famoso Passo del Vivione. Rappresenta per gli ospiti un luogo tranquillo dove poter ricaricare le batterie immersi nel rilassante silenzio della natura circostante. Dopo un po’ di trekking, una corsa in mountain bike o un giro in moto, potrete fermarvi al rifugio e assaporare i sapori tipici della Bergamo più tradizionale, nelle giornate più soleggiate anche all’aperto.






Il Passo del Vivione

Con un’altezza di 1828 metri, separa la provincia di Bergamo da quella di Brescia, la val di Scalve dalla val Paisco, a sua volta tributaria della val Camonica. Il Passo del Vivione è un avvincente itinerario di montagna, irrinunciabile tra i moto tour in Lombardia, tra le Alpi Orobie, ma affrontabile anche in bici e a piedi, con la giusta attrezzatura e le giuste informazioni di viaggio.
Il Passo del Vivione è identificato da un numero preciso: la Strada Statale 294 che segue la traccia scavata dal corso del torrente Dezzo, aperta al traffico solamente da maggio a settembre (in base al clima talvolta anche fino a ottobre). La salita del versante settentrionale del passo, ossia quello bresciano, è stata anche una tappa importante del Giro d’Italia. 

Le vallate orobiche sono tuttora ricche di sentieri di rilevanza storica. L’antica rete viaria resta a testimonianza dell’intenso sistema di comunicazioni infra e oltre montano. Percorsi interni, legati alla tradizionale transumanza del bestiame o al collegamento fra i vari abitati, percorsi di arroccamento verso le numerosissime miniere della valle, opere stradali di carattere militare relative alla Grande Guerra, insomma, la scelta di percorsi è ampia, e va studiata con cura, per vivere appieno e in sicurezza l’intensità di una gita in montagna.




Scopri il Passo del Vivione: Rifugio Vivione

2 mesi fa
Scorri tra i post

Articoli Blog :

Ricevi tutte le novità e offerte

Iscriviti alla newsletter